Il sito utilizza cookies propri e di terze parti. Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul sito.

  • Slide20
  • 1
  • 2
  • Slide8
  • Slide1
  • Slide2
  • Slide3
  • Slide4
  • Slide5
  • Slide6
  • Slide7
  • Slide9
  • Slide10
  • Slide11
  • Slide12
  • Slide16
  • Slide17
  • Slide18
Sabato, 13 Gennaio 2018 09:02

ROCCHETTA ALTA – BOSCONERO.UN INTERVENTO TECNICAMENTE COMPLESSO. QUANDO I TELEFONI NON C’ERANO.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Il pomeriggio del 29 luglio 1979, attorno alle 17.50, il Capo Stazione di Belluno Gianni Gianeselli ricevette una telefonata dalla Stazione C.N.S.A.S. della Val Zoldana che richiedeva, vista l’accentuata difficoltà nell’effettuare un recupero e l’estrema necessità di avere più uomini, il supporto di alcuni Volontari della Stazione di Belluno. Alle 22.30 in punto, una Squadra composta da 8 Volontari, partita immediatamente da Belluno con propri mezzi, raggiungeva il Bivacco Bosconero. Altri, già alle prime luci dell’alba, si portavano in zona per coadiuvare le operazioni che si sarebbero protratte per giornata intera, durissima giornata.

 

Nel primo pomeriggio sulla Via Navasa alla Rocchetta Alta del Bosconero, l’alpinista Helmut Grimm in cordata con Hans Weninger ed il più noto Richard Goedeke, a causa di un volo da capocordata aveva riportato un grave trauma cranico ed altre lesioni importanti al tronco ed agli arti inferiori. Come dichiarato, infatti, al cronista de “Il Gazzettino” il 31 luglio dallo stesso Goedeke: “Grimm che procedeva con grande abilità e speditezza, era volato proprio in uno dei punti più facili della via, cadendo per una quindicina di metri e battendo violentemente sulla roccia (…). Apparse immediatamente preoccupanti le sue condizioni, avevamo lanciato segnali di soccorso, ma questi furono raccolti solo qualche ora più tardi da alcuni escursionisti”.

Una situazione dunque drammatica che, anche a causa del ritardo con cui si erano raccolto l'SOS degli alpinisti, rischiava di diventare tragica come poche, sia per la gravità delle condizioni cliniche sia per la posizione dell’alpinista che si trovava pressoché a metà parete, in una zona strapiombante, molto complessa da raggiungere.

 

Congiuntamente le squadre C.N.S.A.S. della Val Zoldana e di Belluno, nella concreta impossibilità di operare con l’oscurità che non avrebbe neppure permesso di individuare le linee di calata migliori, pianificarono in dettaglio le modalità di recupero per l’indomani, considerato che gli alpinisti si trovavano su di un terrazzino, a oltre 350 metri dalla base della parete.

Dopo aver bivaccato all’aperto, nei pressi della parete, iniziarono le opere per apprestare una piazzola per l’atterraggio dell’elicottero che era stato richiesto al IV Corpo d’Armata di Bolzano per appoggiare le operazioni di soccorso.

Alle 06.25 l’AB 205 aveva già scaricato sulla vetta della Rocchetta una prima parte dei soccorritori ed il materiale di squadra necessario all’intervento. Questo gruppo si calava per oltre 150 metri, pervenendo ad una cengia posta esattamente sulla verticale degli alpinisti. Da qui, una volta predisposto l’ancoraggio per l’argano “Pomagalski”, veniva calato un soccorritore dotato di barella e di zainetto medico in modo da permettere una prima medicalizzazione del ferito.

Una calata spaventosa, in alcuni punti nettamente strapiombante, che solo dopo 220 metri permise di raggiungere l’alpinista ferito, di imbarellarlo e permettere così il lento recupero da parte delle squadre in alto.

 

Solo questa parte dell’operazione durò all’incirca 5 ore, minuti interminabili, passati solo grazie alla perizia e alla pazienza dei soccorritori, che iniziarono ad intravedere la possibilità di portare a compimento il soccorso, solo quando la barella con l’infortunato apparve sull’ultimo camino che conduceva alla cengia.

Qui, un’altra squadra calatasi dalla cima, era già pronta per continuare le manovre. Un’altra calata tecnicamente impegnativa con la quale il ferito venne calato per interminabili 570 metri lungo la parete nord-est della Rocchetta, sino alla base della parete stessa. Quindi, un’ulteriore squadra lo portava, quindi, nei pressi della piazzola da dove, velocemente imbarcato, fu elitrasportato all’Ospedale Civile di Belluno alle ore 18.00 esatte del 30 luglio 1979.

 

Nel frattempo gli altri soccorritori provvedevano a recuperare per mezzo dell’argano ricollocato sulla cima Goedeke e Weninger, provati dall’esperienza passata e dalla fatica di due giornate in parete.

Alle 20.10 dello stesso giorno, i 28 Volontari della Stazione di Belluno e della Val di Zoldo raggiungevano Pontesei stremati, ma distesi nello spirito perché certi di aver svolto con grande sinergia operativa una manovra davvero impegnativa, come riportato dallo stesso Goedeke che sempre sulle pagine de “Il Gazzettino” ebbe modo di dire: “di non essersi mai trovato prima d’ora in simili frangenti, ma di essere ben esperto nelle più sofisticate tecniche di soccorso e pertanto in grado di giudicare l’operazione del Soccorso Alpino come particolarmente difficile ed ardita”. Continua poi affermando che: “non aveva mai dubitato della generosità e del calore dei colleghi italiani, quello però che mi ha maggiormente impressionato è stato l’elevato livello di efficienza, il perfetto coordinamento delle manovre e l’affiatamento tra i componenti delle squadre”.

 

Questo giudizio lusinghiero non è ascrivibile alla casualità, ma frutto dell’ottimo rapporto di collaborazione ed amicizia esistente tra le due Stazioni di Belluno e della Val Zoldana. All’intervento parteciparono i Volontari della Stazione di Belluno di seguito elencati: Gianni Gianeselli, Adelino Brun, Soro Dorotei, Enrico Foggiato, Gianpaolo Fontana, Marino Casagrande, Giorgio Giacchetti, Angelo De Bona, Marino Guardiano, Gino Lotto, Franco Pocchiesa, Giovanni Sitta, Ermes Viel e Piero Sommavilla.

Letto 1574 volte Ultima modifica il Sabato, 13 Gennaio 2018 09:07

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

© Fabio Bristot | Tutti i diritti riservati

M: fabio.bristot@gmail.com | T: +39 347 6464646

Area Riservata

1.png9.png0.png3.png8.png2.png
Domenica, 23 Gennaio 2022