Il sito utilizza cookies propri e di terze parti. Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul sito.

  • Slide20
  • 1
  • 2
  • Slide8
  • Slide1
  • Slide2
  • Slide3
  • Slide4
  • Slide5
  • Slide6
  • Slide7
  • Slide9
  • Slide10
  • Slide11
  • Slide12
  • Slide16
  • Slide17
  • Slide18
Proviamoci. Battere i pugni sui banchi delle osterie è più facile, ma anche molto più banale!Non deleghiamo sempre ad altri la responsabilità di scegliere... di voler continuare a vivere nelle nostre Dolomiti. Votiamo Si.
IL CONSIGLIO COMUNALE DI BELLUNO riunito in data 29 settembre 2017 Premesso che: la Tbe (Tick Borne Encephalitis) o encefalite da zecche è una malattia virale acuta del sistema nervoso centrale causata da un genere di flavivirus trasmesso da zecche del genere Ixodes, vettori e serbatoi del virus; il virus trasmesso dalle zecche infetta diversi animali, selvatici o domestici, fra cui roditori, caprioli, ovini, caprini che contribuiscono al mantenimento del ciclo di trasmissione dell’infezione; l’encefalite da morso di zecca è stata identificata per la prima volta  in Italia nel 1994 in provincia di Belluno e che, ad oggi, la Tbe è presente in focolai endemici in molti Paesi dell’Europa centro orientale e settentrionale, Italia compresa; in particolare dal 1994 al 2016 sono stati identificati circa 200 casi di malattia nella provincia di Belluno; nel 70% dei casi questa infezione decorre in modo asintomatico, ma nel restante 30% la patologia può…
Riapparso il Libro della Memoria... sul quale è possibile leggere e far conoscere alcune autentiche lezioni di civiltà che, proprio sulla memoria più profonda che viene trasferita ai più giovani, marca il distinguo tra il ricordo vero, appassionato e doloroso e l'inutile oblio di chi ha già dimenticato il 9 ottobre 1963.
INTRODUZIONE Pensiamo che introdurre una pubblicazione che vuole in qualche modo, anzi vuole con forza, ricordare qualcuno, sia un compito gravoso. Ricordare qualcuno dovrebbe essere, infatti, un percorso quotidiano, un sentimento autentico ed intimamente vissuto. Diversamente si scade nel manierismo determinato dalla ricorrenza.  Lo è tanto più per chi, da quel giorno, ha vissuto ogni attimo tra i fotogrammi reali di quanto era successo ed immagini distorte del tempo successivo che alla fine hanno permeato tutto di disagio e di impotenza, nella vana ricerca di portare indietro proprio il tempo e di rendere più lieve chi da quel tempo è stato costretto, stritolato, oppresso … Non vogliamo rinunciare a dire qualcosa arrendendoci alle parole che non vengono, ma lasciateci questa unica licenza, lasciateci cioè richiamare qualcosa che già abbiamo scritto quella sera del 22 agosto 2009, di ritorno da Cortina, quando su un post it avevamo lasciato liberamente andare la…
La nuda cronaca dell’incidente Alle ore 14.19 ca. del 22 agosto 2009 perveniva alla Centrale Operativa del S.U.E.M. 118 di Pieve di Cadore (Belluno) una chiamata da parte dei Carabinieri che notiziavano il S.U.E.M. della caduta di una frana che avrebbe coinvolto delle persone in località Rio Gere/Misurina (Auronzo/Misurina). L’operatrice del S.U.E.M. 118 con il consueto, metodico filtro, nella necessità di ottenere maggiori dettagli geografici, appurava che non si trattava di Misurina, ma della località notoriamente riconosciuta e denominata come Rio Gere (Passo Tre Croci – Cortina d’Ampezzo) situata a quota mt. 1.698. Alle 14.23 veniva, quindi, notificato  all’equipaggio dell’elicottero del S.U.E.M. 118 di Pieve di Cadore (A 109 GRAND - I REMS), impegnato in quel momento nell’effettuazione in una missione S.A.R. sul Passo Giau a favore di una escursionista marchigiana con un trauma ad un arto, che si sarebbe resa necessaria una ricognizione/perlustrazione sulla frana in questione una volta…
Matteo. Conoscente. Intelligente. Burbero. Amico. Mio. Baruffa. Ciao. Introduzione. Quando si tratta di scrivere la biografia o una parte di essa di chi in qualche modo si voglia ricordare, dunque far rivivere attraverso ciò che la stessa è stata ed ha fatto, nell’intima dialettica che questi due verbi crea (cosa questa persona abbia prodotto in termini di fatti ed azioni o cosa abbia saputo offrire in termini di emozioni e simboli nel corso della sua esistenza), ci si pone di fronte ad un profondo dubbio metodico: quale parte fare risaltare e come farla risaltare, se essere aderenti a dati, diciamo così storiografici, quindi anche di necessità storici, oppure arrotondare alcune spigolosità, farne una rappresentazione melensa o viva, vivace, alla fine verisimile o vera? Il dubbio questa volta è più marcato poiché la figura poliedrica di Matteo non si lascia imbrigliare in cliquettes o in forma manierate proprie di questi generi…
RABBIA E DOLORE, INDIGNAZIONE … ANNUNCI E PROCLAMI … POI IL SILENZIO: PERCHE’ A DISTANZA DI UN ANNO SI ABBIA ANCORA LA FORZA ED IL CORAGGIO DI URLARE (Tratto dal Volume "Falco:Dario, Fabrizio, Marco e Stefano.   All’indomani dell’ennesima tragedia consumata tra un coacervo di lamiere e sangue, grida e rabbia subentra una sorta di aggressione mediatica ai fili, ai piloni, ai cavi, alla teleferica di turno … talvolta ai loro proprietari o gestori. Sembra quasi che l’indomani tutto, repentinamente, debba cambiare allo stentoreo proclama “mai più stragi nei nostri cieli”, “la sicurezza degli equipaggi prima di tutto”, “nuove norme più severe”, “mai più killer nascosti”, “lo Stato si muove”. Insigni giuristi scalpitano per normare e legiferare al riguardo congiuntamente a schiere di legislatori penali che vergano di tutto punto il nuovo, aspro sistema sanzionatorio per quanti non ottemperano alle disposizioni; squadre di imbianchini si muovono di buon’ora pronti a…

© Fabio Bristot | Tutti i diritti riservati

M: fabio.bristot@gmail.com | T: +39 347 6464646

Area Riservata

1.png8.png3.png2.png2.png9.png
Sabato, 04 Dicembre 2021