Il sito utilizza cookies propri e di terze parti. Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul sito.

  • Slide20
  • 1
  • 2
  • Slide8
  • Slide1
  • Slide2
  • Slide3
  • Slide4
  • Slide5
  • Slide6
  • Slide7
  • Slide9
  • Slide10
  • Slide11
  • Slide12
  • Slide16
  • Slide17
  • Slide18
                                              Al Sig.                                               Sindaco di Belluno al Sig. Presidente del Consiglio Comunale Loro sedi   OGGETTO: Interrogazione circa l’aumento della presenza di pantegane in alcuni quartieri della città di Belluno e in Centro storico. Il sottoscritto Consigliere Comunale, premesso che negli ultimi anni sono aumentate in modo rilevante le segnalazioni dei cittadini di Belluno circa la presenza di pantegane in molte parti della città, segno che da tempo non viene predisposta da parte del/i soggetto/i competente/i una campagna efficace e continuativa per debellare questo animale e/o che sono anche e contestualmente in aumento per responsabilità ascrivibili talvolta ai cittadini (mancato corretto conferimento dei rifiuti, utilizzo…
Meno di un anno per eleggere il nuovo sindaco? Cosa sta succedendo in città? Da Consigliere comunale non ricerco forzatamente gossip politici o pseudo tali, per cui potrei sbagliarmi, ma il rumore di sottofondo è fastidioso e tutto orientato a comporre e scomporre nomi in relazioni a gruppi e sottogruppi. Tutto ciò non in funzione di idee e progetti per la città e i suoi cittadini, ma all’insegna, il più delle volte, di meri aspetti caratteriali o di antipatie. Caratteristiche che in politica sono da sempre assai poco paganti. Cosa serve a Belluno davvero? Belluno non ha bisogno né di chiacchiere e né di enunciazioni. Belluno necessita di una rigorosa strategia di medio periodo e di persone che si riconoscano in questa strategia programmatica. Il resto è solo alchimia politica che rischia di fare della mera tattica lo strumento più importante. Il programma autorevole deve essere l’imperativo categorico per unire…
                                              Al Sig.                                               Sindaco di Belluno   al Sig.  Presidente del Consiglio Comunale  Loro sedi   OGGETTO: Domanda di attualità ai sensi dell’art. 57 del Regolamento del Consiglio comunale del Comune di Belluno circa le dotazioni di vaccini per la provincia di Belluno e la città di Belluno.   Il sottoscritto Consigliere Comunale, premesso che le dinamiche in atto circa l’acquisizione, distribuzione e somministrazione dei vaccini è assolutamente ed oggettivamente molto critica a livello nazionale e internazionale, tanto che le previsioni effettuate a dicembre sul piano vaccinale nazionale sono state profondamente modificate in ragione dell’estrema difficoltà a reperire le varie forme vaccinali presenti sul mercato;  …
Al Sig.Sindaco di Belluno Al Sig.Presidente del Consiglio ComunaleLoro sediOGGETTO: Continuo depauperamento dei servizi sanitari a carico della ULSS 1 – Dolomiti della Regione Veneto. Cosa ha fatto compiutamente il Sindaco Massaro sulla scorta della mozione approvata dal Consiglio Comunale di Belluno a settembre 2020 che lo caldeggiava ad effettuare una serie di azioni assolutamente rilevanti per la nostra comunità?Il sottoscritto Consigliere Comunalericordato che, in data 28 settembre 2020, il Consiglio Comunale di Belluno aveva approvato una mozione pari tema all’oggetto della presente con la quale lo stesso Consiglio Comunale impegnava il Sindaco a: seguire,monitorareeapprofondirequesteealtrecriticitàcheaffliggonolasanitàbellunese, ad attivarsi presso la Direzione Generale dell'USL affinché tali criticità (e le possibili soluzioni) venissero sottoposte alla Regione, con particolare attenzione alla attivazione della UOC di Chirurgia Vascolare e al pieno ripristino di una attività di Neurochirurgia comprensiva degli interventi in urgenza, all’immediata attivazione dell’elisoccorso notturno; a riferire al Consiglio Comunale sulla situazione attuale, sulla sua azione e…
PURTROPPO, PALAZZO ROSSO E’ LA CARTINA DI TORNASOLE DEL LIVELLO DELLE MANUTENZIONI DEGLI IMMOBILI COMUNALI E, IN GENERE, DEL LIVELLO MANUTENTIVO “APPREZZABILE” NELLA NOSTRA CITTA’. SERVE UNO SCATTO DI ORGOGLIO, UNA RIVOLUZIONE CON UN PIANO STRAORDINARIO DI MEDIO E LUNGO PERIODO DA INSERIRE NEL PROGRAMMA DEL PROSSIMO SINDACO.   Stava terminando l’estate scorsa, quando due turisti, immagino appena saliti dalle scale mobili, fermi con lo smartphone in mano, all’angolo di Palazzo Rosso, ne stavano leggendo la storia ad alta voce.  Mi fermo per ascoltarli, provando po’ di legittimo orogoglio e per verificare se i miei ricordi sul Segusini fossero corretti o menoPoi, all’improvviso, uno dei due afferma (testuale “speriamo che non siano tutti un rigurgito di guano i palazzi di questa città”, indicando la presenza di gradevoli e numerose deiezioni colorate di colombi ed altri animali presenti sul lato nord che dà alla Poste e indicando, inoltre, subito dopo, i cavidotti…
«Una singola Anna Frank ci commuove più che gli innumerevoli altri che hanno sofferto proprio come lei, ma le cui facce sono rimaste nell'ombra. Forse è meglio così: se fossimo capaci di contemplare le sofferenze di tutte quelle persone, non saremmo capaci di vivere» (P. Levi da “I sommersi e i salvati”). L’uomo aveva tolto il colore dal volto, dal cuore e dalla dignità delle persone, Marina Amaral ha ridato un soffio a questa ragazzina di 14 anni.
“Ho sottolineato, nel mio intervento nell'odierna conferenza stampa, come la legge di riforma della Legge n. 74/2001 fosse attesa da quasi vent’anni, motivo per il quale ringraziare il Ministro D’Incà è stato doveroso, ma è diventato anche in questo caso particolare un piacere autentico e non solo una scontata prassi istituzionale. Il lavoro che ha svolto D’Incà nel corso di due mesi davvero tosti ha, infatti, dimostrato la sua notevole capacità di relazionarsi propositivamente con vari i soggetti istituzionali, senza rinunciare alla determinazione nell’andare decisamente avanti anche quando gli ostacoli che, via via si presentavano innanzi, sembravano fossero insuperabili e per questo motivo di rinuncia. Un traguardo – quello raggiunto oggi– che è in realtà una nuova partenza per tutto il Soccorso Alpino e Spelologico, perché quando si effettua una riforma, da una parte si devono tenere saldi i principi iniziali, dall’altra se ne devono aggiungere degli altri: saper cioè…

© Fabio Bristot | Tutti i diritti riservati

M: fabio.bristot@gmail.com | T: +39 347 6464646

Area Riservata

1.png7.png8.png1.png9.png7.png
Sabato, 16 Ottobre 2021