Il sito utilizza cookies propri e di terze parti. Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul sito.

  • Slide20
  • 1
  • 2
  • Slide8
  • Slide1
  • Slide2
  • Slide3
  • Slide4
  • Slide5
  • Slide6
  • Slide7
  • Slide9
  • Slide10
  • Slide11
  • Slide12
  • Slide16
  • Slide17
  • Slide18
Non condivido il fatto/atto ormai pubblico che la Provincia di Belluno, inclinandosi a 70°... 80°..., dichiari di voler restituire ad Enel 2 mil. di euro. 
            CASCHE 1986 Non era ovviamente servito il solerte impegno dell’ultima settimana di studio per recuperare le tante, troppe giornate passate lontano dai libri e dagli impegni propriamente scolastici, i tanti mesi in cui avevo francamente dimenticato, come anche l’anno prima del resto, il sapore del sudore lasciato sul Rocci o sul Castiglioni-Mariotti. Sui fogli già ingialliti dopo poche ore di esposizione sulle vetrate del Tiziano, spiccavano, a fianco al mio nome che sembrava quasi scritto in grassetto per dare maggiore enfasi alla mia condotta scolastica, le 4 materie con le quali ero stato rimandato a settembre, oltre ovviamente al 7 in condotta. Materie assolutamente pesanti da recuperare, sulle quali, oltre agli esiti abbastanza oggettivi di compiti ed interrogazioni, era indubbiamente pesato sulla valutazione finale il mio carattere piuttosto impulsivo e compulsivo di allora, che mi portava spesso a primeggiare nell’ironia e nell’umorismo tout court,…
MAURO 2017 Mauro, Amico, Amico di sempre… Amico, che hai scalato sin dall’attacco infame quella parete viscida, di incerta progressione e disperata verticalità, dove gli appoggi instabili e gli appigli sfuggenti lasciavano al tatto solo il ricordo di sé. Amico con i muscoli tesi di nobile metallo e con il cuore d’oro e di luce chiara che, sino alla fine, hai provato ad attraversare i diedri bui e lo strapiombo altissimo. Amico con le mani gonfie dagli aghi scolpiti dal freddo e graffiate dai grani della roccia spezzata. Amico, che ora hai scelto di essere libero dai cavi, non più corde fraterne, quasi ombelico della vita, ma catene nere e forti. Amico, ora danza con le stelle limpide e la neve bianca, danza con i riflessi delle nubi trasparenti e le note portate dai venti ora dolci. Amico che hai saputo rubare, con coraggio, la luce al buio ed il…
OGGETTO: interrogazione circa l'ordinanza di chiusura del Piazzale di Case Bortot ingresso del Parco Nazionale a causa della caduta di un masso. Quali atti sono stati prodotti? Il sottoscritto Fabio Bristot a nome dell’intero Gruppo Insieme per Belluno interroga la Giunta allo scopo di conoscere l’esatta situazione in ordine all’oggetto e quali soluzioni siano state prodotte per definire la complessiva sicurezza dell’area. Premesso che con ordinanza n. 279 del 5 ottobre u.s., atto che crediamo sia stato comunque emanato assai tardivamente, posto che la caduta/crollo del masso è avvenuta addirittura oltre dieci giorni prima, veniva chiuso l’accesso al piazzale di Case Bortot; vista che la zona in questione è da sempre “l’accesso per antonomasia” al Gruppo della Schiara, ovvero accesso al Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi e che come tale si caratterizza per la valenza turistica quale terminale per accedere alle predette realtà; attestato che in zona sono presenti alcune realtà…
Proviamoci. Battere i pugni sui banchi delle osterie è più facile, ma anche molto più banale!Non deleghiamo sempre ad altri la responsabilità di scegliere... di voler continuare a vivere nelle nostre Dolomiti. Votiamo Si.
IL CONSIGLIO COMUNALE DI BELLUNO riunito in data 29 settembre 2017 Premesso che: la Tbe (Tick Borne Encephalitis) o encefalite da zecche è una malattia virale acuta del sistema nervoso centrale causata da un genere di flavivirus trasmesso da zecche del genere Ixodes, vettori e serbatoi del virus; il virus trasmesso dalle zecche infetta diversi animali, selvatici o domestici, fra cui roditori, caprioli, ovini, caprini che contribuiscono al mantenimento del ciclo di trasmissione dell’infezione; l’encefalite da morso di zecca è stata identificata per la prima volta  in Italia nel 1994 in provincia di Belluno e che, ad oggi, la Tbe è presente in focolai endemici in molti Paesi dell’Europa centro orientale e settentrionale, Italia compresa; in particolare dal 1994 al 2016 sono stati identificati circa 200 casi di malattia nella provincia di Belluno; nel 70% dei casi questa infezione decorre in modo asintomatico, ma nel restante 30% la patologia può…

© Fabio Bristot | Tutti i diritti riservati

M: fabio.bristot@gmail.com | T: +39 347 6464646

Area Riservata

1.png7.png8.png1.png9.png3.png
Sabato, 16 Ottobre 2021